22 dicembre 2016

Il test del sudore

Queste note sono state elaborate per fornirvi informazioni sul test che è stato prescritto a voi o
vostro/a figlio/a.

Cosa è il test del sudore?

Il “Test del sudore” serve a misurare la quantità di sale (NaCl) contenuta nel sudore. In realtà il test misura la concentrazione di Cloro nel sudore (direttamente proporzionale alla concentrazione di sale).

[collapse]
Perché si esegue?

Il test viene richiesto dal medico per confermare o escludere la diagnosi di Fibrosi Cistica (FC) in bambini o adulti che presentano sintomi che hanno fatto sospettare la presenza di questa malattia.

I sintomi che più frequentemente inducono il medico a richiedere il test del sudore sono nel
bambino: infezioni respiratorie ricorrenti, diarrea cronica, scarsa crescita, grave disidratazione nel
periodo estivo; nell’adulto: pancreatite cronica o ricorrente, infertilità maschile, rinosinusite cronica,
infezioni polmonari ricorrenti o croniche. Tutti questi sintomi possono essere dovuti ad una forma
di Fibrosi Cistica non ancora riconosciuta.
È importante diagnosticare questa condizione al fine di instaurare il trattamento più idoneo ed
efficace.
Inoltre il test viene richiesto nei lattanti nell’ambito dello screening neonatale per la Fibrosi Cistica:
se gli accertamenti eseguiti nei primi giorni di vita e a circa un mese di età lo richiedono, il sospetto
di presenza di questa malattia viene valutato con il test del sudore.
Le persone affette da Fibrosi Cistica hanno un alto contenuto di sale nel loro sudore. Un risultato
normale del test consente di escludere la diagnosi di Fibrosi Cistica nella grande maggioranza dei
casi.

[collapse]
Chi esegue il test?

La stimolazione del sudore e la sua raccolta vengono effettuati dagli Infermieri dell’Ambulatorio/Day Hospital del Centro Regionale Toscano di Riferimento per la Fibrosi Cistica. Il sudore viene quindi inviato al Laboratorio specialistico del Centro Regionale Toscano di Riferimento per la Fibrosi Cistica, per la determinazione analitica.

[collapse]
In cosa consiste il test?

Si posizionano normalmente nella zona volare dell’avambraccio (in rari casi sulla gamba) speciali dischi in gel contenenti una sostanza chimica, chiamata pilocarpina, che stimola la produzione del sudore. Questi dischi vengono fissati in posizione ed un piccolo flusso di corrente, alimentato da un generatore a batteria, attraversa i dischi in gel per stimolare il processo di produzione del sudore. Il test non è doloroso, sebbene in alcuni casi si possa avvertire una piccola sensazione di prurito.

I dischi vengono lasciati in sede per circa 5 minuti, quindi vengono rimossi. Nella zona dove la
pilocarpina ha stimolato la produzione del sudore la cute risulta arrossata. Questo è un fenomeno
transitorio, tipico della stimolazione con pilocarpina, che si attenua nel giro di poche ore.
La cute viene quindi lavata accuratamente con acqua deionizzata ed asciugata. Un pezzo di carta da
filtro viene posizionato ed assicurato sulla zona stimolata. La parte del braccio interessata viene
quindi fasciata con una pellicola di plastica.
Vi verrà allora chiesto di attendere per 30 minuti, il tempo necessario affinché il sudore prodotto
dalla parte stimolata sia assorbito dalla carta da filtro. Durante questi 30 minuti Voi (o il Vostro
bambino) siete liberi di leggere, giocare, o mangiare, sebbene i cibi salati come le patatine fritte
dovrebbero essere evitate per minimizzare qualsiasi rischio di contaminazione.
La carta da filtro viene poi rimossa dall’operatore e inviata al laboratorio per l’analisi.
Il test puo’ essere eseguito e risulta attendibile se la quantità di sudore raccolta e’ almeno di 75 mg.
Se questa quantità non viene raggiunta vi sarà richiesto di ripetere il test.

[collapse]
Il test è doloroso?

Alcune persone provano una sensazione di prurito nella sede del braccio o della gamba dove il sudore viene raccolto, che si presenterà arrossata. Non viene impiegato nessun ago da iniezione.

[collapse]
I risultati

Il test può risultare:

  • Negativo (cloro inferiore a 40 mEq/L oltre i 6 mesi di età; cloro inferiore a 30 mEq/L nei primi
    6 mesi di vita): il soggetto non è affetto da Fibrosi Cistica;
  • Positivo (cloro superiore a 60 mEq/L): indica che il soggetto sottoposto al test è affetto da
    Fibrosi Cistica. La diagnosi definitiva dovrà tenere conto, oltre ai risultati del test, dei sintomi
    e di altri dati clinici o di laboratorio. Un test del sudore patologico deve comunque essere
    sempre confermato da un secondo test.
  • Dubbio (cloro compreso tra 40 e 60 mEq/L oltre i 6 mesi di età; cloro compreso tra 30 e 60
    mEq/L nei primi 6 mesi di vita): non permette immediatamente la diagnosi o l’esclusione della
    malattia. In questo caso il test deve essere ripetuto e può essere necessario un approfondimento
    diagnostico (ad es. test genetico con ricerca delle mutazioni della Fibrosi Cistica).

In rari casi, in presenza di sintomi suggestivi di malattia, anche con un test del sudore negativo, il
vostro medico può essere orientato verso una diagnosi di Fibrosi Cistica e proporVi un
approfondimento diagnostico (ad es. test genetico con ricerca delle mutazioni della Fibrosi Cistica).

[collapse]
Quanto tempo passa prima di ricevere i risultati del test?

Il tempo di analisi in Laboratorio può essere di 1 – 2 giorni lavorativi. Il referto per gli esterni è inviato al domicilio per posta, mentre per gli interni, che provengono dal Reparto o altri Day Hospital, è inviato ai medici referenti. Nel caso si desiderasse avere prima la risposta il referto può
essere ritirato presso il Day Hospital del Centro Fibrosi Cistica. In caso di bimbi richiamati per lo
screening neonatale i risultati sono immediati (1-2 ore al massimo dalla raccolta del sudore).

[collapse]
Chi Vi informa dei risultati del test?

In caso di risultato positivo o dubbio il medico del Centro contatterà telefonicamente la famiglia. Negli altri casi dovete consegnare il referto al medico che Ve lo ha prescritto, che discuterà con voi il risultato.

[collapse]
Altre domande?

Se avete domande relative all’esecuzione del test, cortesemente contattate gli infermieri o il medico del Centro Regionale Toscano di Riferimento per la Fibrosi Cistica (055 5662474). Se avete altre domande relative alla prescrizione del test del sudore parlatene con il medico di famiglia/specialista che Vi ha consigliato di eseguire questo test.

[collapse]

 

Testo a cura di: G. Mergni – Centro Regionale Toscano di Riferimento per la Fibrosi Cistica –
AOU A. Meyer, viale Pieraccini 24, 50139 Firenze (tel. 055 5662474 – dhfibrosicistica@meyer.it –
www.fibrosicisticatoscana.org)
Ultima revisione: Agosto 2016